Olio di cocco fa bene o fa male ?

Olio di cocco fa bene o fa male ?
Olio di cocco fa bene o fa male ?

L’olio di cocco è caldo, e non è solo a causa delle sue origini tropicali. Diffamato da decenni per il suo contenuto di grassi saturi molto alto, l’olio di cocco ha trovato molti nuovi fan negli ultimi anni.

Il web è piena di indicazioni sulla salute che sollecita i benefici nutrizionali dell’olio di cocco, tra cui, aiutare nella perdita di peso, riduzione del colesterolo, e migliorare la funzione del cervello. Purtroppo, la maggior parte di queste affermazioni non sono state sufficientemente sostenute da prove scientifiche.

La buona notizia è che una recente ricerca ha dimostrato che il tipo di grassi saturi dell’olio di cocco può non essere così male per la nostra salute anzi può anche avere alcuni effetti benefici per la salute.

Olio di cocco, ma prima, un po ‘di storia.

L’olio di cocco è un derivato delle pareti interne, bianche e carnose delle noci di cocco. Ci vuole circa un chilo di noce di cocco per produrre 1 cucchiaio di olio di cocco.

I principali paesi esportatori sono le Filippine, l’Indonesia e l’India. L’olio di cocco costituisce meno del 3% della produzione di olio vegetale annuale globale.

L’olio di cocco può essere sia vergine che raffinato.

L’olio di cocco vergine è di solito spremuto meccanicamente della polpa di cocco a temperatura ambiente.

L’olio raffinato è di solito estratto utilizzando il calore, prodotti chimici e solventi che servono per aumentare la resa, e rimuovere qualsiasi colorazione o odori.

L’olio di cocco è semi-solido a temperatura ambiente, il che lo rende una valida alternativa al burro. In alcuni casi è parzialmente idrogenato per renderlo solido a temperature ancora più elevate, ma l’effetto collaterale è la creazione di pericolosi grassi.

Ma torniamo a uno olio di cocco vergine o raffinato. Esso è composto da 85-90% di grassi saturi, quantità superiori al burro (60%) o allo strutto (40%).Promemoria: i grassi saturi aumenta i livelli di cattivo colosterolo (LDL) nel sangue. Un solo cucchiaio di olio di cocco ha 12 grammi di grassi saturi, che è il 60% della dose massima giornaliera.

Questo può sembrare spaventoso in un primo momento, perché il consiglio secolare che abbiamo ricevuto è quello di limitare la nostra assunzione di grassi saturi.

Ma proprio qui  le cose si fanno interessanti. “Grassi saturi” è un termine che descrive un gruppo di diversi tipi di acidi grassi . Ad esempio, l’olio di cocco è composto da acido laurico 52%, il 19% di acido miristico, acido palmitico 11%, il 10% di acido decanoico, e il 9% di acido caprilico – tutti gli acidi grassi saturi.

Ci sono prove emergenti che alcuni acidi grassi potrebbero essere più dannoso di altri. Al contrario, alcuni possono anche avere benefici per la salute. Ad esempio, l’acido laurico è stato dimostrato in alcuni studi può avere un effetto neutro sui livelli di colesterolo nel sangue, e anche aumentare i livelli di colosterolo buono .

A differenza di molti altri oli vegetali, olio vergine di cocco contiene fenoli, un tipo di antiossidante. Gli scienziati stanno cercando di capire è questi composti sono in qualche modo legati agli effetti benigni di olio di cocco sul colesterolo nel sangue.

Un altro vantaggio di olio di cocco rispetto alla soia o olio di mais è che non è geneticamente modificato.

Quindi, si dovrebbe buttare via tutti gli olii e passare esclusivamente olio di cocco? Probabilmente no. Ma avere un vasetto di olio di cocco vergine a portata di mano in casa per uso occasionale probabilmente non è una cattiva idea, perchè usato con moderazione non fa cosi male come si credeva un tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *