Natale ricette di salute

Natale-ricette-di-salute
Natale-ricette-di-salute

Come passare un Natale con gusto e in salute?

C’è chi ha già cominciato il countdown per le feste natalizie in cui l’appuntamento con parenti e amici è sempre intorno ad una tavola bellamente imbandita di ogni leccornia. Come si fa a rinunciare a zeppole e struffoli preparati con tanto amore dalle mamme! E quindi vince il motto “pancia mia fatti capanna”!
Festeggiare è sacrosanto, ma occorre ricordare che i giorni di festa veri e propri sono la vigilia e il giorno di Natale, Capodanno e l’Epifania. Si tratterebbe di soli 4 giorni in fin dei conti, ma si sa che ormai l’abitudine ha portato la nostra società a festeggiare per più di 2 settimane consecutive.
Quindi via libera in questi 4 giorni realmente festivi, ma durante gli altri giorni delle festività è bene mangiare regolarmente o quantomeno limitare le calorie introdotte specie se si è in sovrappeso o si soffre di patologie a rischio. E non dimentichiamoci che potremmo aumentare le uscite bruciando calorie con un bel po’ di movimento, magari la famiglia potrebbe ritrovarsi in palestra dopo il Natale che ne pensate?

Scherzi a parte, con un po’ di buon senso e qualche piccola regola potremmo arginare i danni delle festività.

Piccole ricette di salute :

– Limitare sale e condimenti per insaporire le pietanze cercando di adoperare maggiormente le spezie.
-Porzionare tutte le portate, moderando le quantità, un po’ di tutto non farà male.
-Evitiare di aggiungere al pandoro o al panettone, già di per sé molto calorici, anche creme, nutella, gelato.
– Preferire possibilmente cotture al vapore, al forno o alla piastra rispetto al fritto.
-Bere, bere, bere! L’acqua è una grande alleata. Benissimo anche tisane addolcite con un cucchiaino di miele ( finocchio, tarassaco, betulla).
-Moderare l’alcol! Ok qualche brindisi, ma non esageriamo.
-Consumare sempre una buona porzione di verdure crude o cotte che ci aiuteranno a smaltire il resto del pasto.
-Limitare noccioline, arachidi, datteri, frutta secca e sostituirla con abbondanti macedonie e frutta fresca, specialmente kiwi che facilitano il transito intestinale.
-Passeggiare, fare attività fisica, salire le scale invece di prendere l’ascensore, pattinare sul ghiaccio, raggiungere gli amici a piedi favoriranno di certo lo smaltimento delle calorie in eccesso.

Infine, tra i propositi del nuovo anno, inserire una maggiore presa di responsabilità verso il proprio stato di salute, penso sia davvero doveroso. Cerchiamo di ascoltare di più il nostro corpo che spesso ci lancia segnali precisi che noi, presi dal vortice degli impegni quotidiani, non riusciamo a captare.
Ricordatevi che non c’è bellezza senza benessere!

Detto questo, vi auguro uno splendido Natale e un nuovo anno prospero e sereno!

Vi ricordo che da gennaio si apre la Campagna di Prevenzione ESSADIBE http://www.facebook.com/events/397625300312976/

7 risposte a “Natale ricette di salute”

  1. buonasera dottoressa,volevo chiederle se nel diabete e’ possibile sostituire lo zucchero con il fruttosio per la preparazione di dolci?ce’ chi dice che si puo’ chi dice che e’ peggio insomma vorrei avere le idee chiare su questo perche’ il mio fidanzato ha il diabete e i dolci li preparo io in casa nelle grandi occasioni o quando mi dice che ne ha voglia,fino ad ora ho sostituito lo zucchero con il dolcificante liquido ma per montare i tuorli non montano!ho provato l isomalto ma ho visto che non e’ molto indicato per tutti i dolci ma soprattutto e’ indicato per le decorazioni.attendo la sua risposta,grazie.

  2. Ciao Francy, come sai nei soggetti diabetici è opportuno limitare l’apporto di zuccheri per evitare di scompensare i tassi glicemici dopo la loro assunzione. A proposito del fruttosio c’è chi è a favore e chi no, tuttavia è stato dimostrato da studi su diabetici che lo usano, un mantenimento di valori fisiologici di colesterolo, pressione sanguigna, acido urico e un controllo sul peso. Inoltre, è stato sottolineato un effetto positivo sulla glicemia, che sembra essere maggiormente controllabile in chi utilizza fruttosio anziché saccarosio. Alla luce di questi dati, è sicuramente preferibile utilizzare il fruttosio anche nella preparazione dei dolci, è ovvio è non bisogna abusarne. Dal momento che ti piace sperimentare, ti consiglio di provare la Stevia. Ha un ottimo potere dolcificante e contemporaneamente un’azione ipoglicemica capace di migliorare la circolazione pancreatica, stimolare la secrezione dell’insulina, riducendo il livello di glucosio nel sangue. Pensa che in Brasile e Paraguay si utilizza come rimedio per i soggetti affetti da diabete ed è stata dimostrata una riduzione del 32 % del livello di glucosio in pazienti adulti che ricevono estratto liquido di stevia (Orviedo 1970; Alvarez 1981). Ci sono già alcuni marchi che producono cioccolata e dolci con stevia e pare siano ottimi. Spero di esserti stata utile!

  3. grazie dottoressa sono felice che lei e’ arrivata tra il gruppo fantastico di francesco…per quanto riguarda la stevia penso proprio che la provero’ per i dolci,puo’ darmi qualche marchio?non ho visto cioccolata o dolci con stevia forse la vendono in negozi specializzati per diabete?sarei piu’ interessata alla cioccolata in modo di fare una nutella in casa migliore per il mio fidanzato..per i dolci preferisco farli con le mie mani..naturalmente non esagero solo nelle grandi occasioni faccio i dolci piu’ complicati e qualche ciambella quando mi dice che ha voglia di dolce cerco di evitargli i dolci dei bar e confezionati…

  4. la stevia viene prodotta da vari marchi, tra i più conosciuti MISURA e c’è anche al supermercato, provala. Ci sono anche alcune ricette di biscotti da preparare sostituendo lo zucchero con la stevia che avendo un leggero retrogusto alla liquirizia si sposa bene col cacao. Magari le nostre amiche esperte in cucina si potrebbero cimentare!
    Per quanto riguarda la cioccolata, è disponibile anche in alcune erboristerie oppure in negozi on line ( es. http://www.vitanaturalis.it/products/364-tavoletta-cioccolato-con-stevia-leggiadro.aspx). A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *