Pasta verza e patate

Pasta verza e patate
Pasta verza e patate

La pasta verza e patate mi è stata suggerita da Veronica, moglie di un caro amico di mio cugino. Questo primo piatto a base di verdure dal gusto delicato è molto colorato e semplice da realizzare. In realtà non avevo mai cucinato la verza in questo modo e devo essere sincera ne sono rimasta entusiasta :) In realtà l’elemento principale del successo di questo piattino è stata la verza… direttamente dal produttore al consumatore. Nella giornata di ieri è venuta mia mamma a darmi la verza che la contadina le aveva regalato. E’ stato un regalo graditissimo dato che vado matta per la verza.

 

Ingredienti per la pasta verza e patate (per 2 persone)

180 gr di spaghetti della Garofalo

300 gr foglie tenere di una verza

1 carota media

1 spicchio d’aglio

4 foglie di salvia

poco rosmarino

una patata bianca piccola

poco latte

olio extravergine di oliva

sale

Procedimento per la pasta verza e patate

Prima di tutto lavare la patata e lessarla. Lavare la verza e tagliarla a striscioline, spazzolare la carota, lavarla e tagliarla a julienne.

Pasta verza e patate
Pasta verza e patate

Tritare l’aglio, il rosmarino, la salvia e far cuocere il tutto in olio d’oliva.

Pasta verza e patate
Pasta verza e patate

Aggiungere le verdure,mezzo bicchiere di acqua, salare e far cuocere a fiamma bassa e con coperchio chiuso per circa 20-25 minuti.

Sbucciare la patata e passarla in uno schiacciapatate,salare e aggiungere un pizzico di latte fino ad ottenere una cremina vellutata.

Pasta verza e patate
Pasta verza e patate

Quando gli spaghetti saranno al dente scolarli e aggiungerli al composto di verdure, aggiungere la cremina di patata e amalgamare bene il tutto.

Pasta verza e patate
Pasta verza e patate

Et voilà

 

Pasta verza e patate
Pasta verza e patate

 

5 risposte a “Pasta verza e patate”

  1. Ciao!!! anche piace molto la verza, non so se conosci la “cassoela”(in italiano è il “bottaggio di maiale”) il piatto lombardo a base di costine di maiale e verze….pesantina, ma squisita!!!
    e, ti ho già parlato del risotto fagioli e verza? è da provare, se vuoi ti do la mia ricetta, intanto mi copio questa pasta, mi sembra molto golosa e ho pure la verza!
    ciao! fulvia

  2. Anche io amo tantissimo la verza, nella nostra regione c’è ne tanta…la cucino spesso, ma non ho mai provato con le patate…prima che passi la stagione dovrò provvedere !!! brava

  3. Eh si la verza ha un sapore davvero unico. Anche la semplice verza con riso con una spolverata di parmigiano per me è buonissima! Nella tua regione dato che la verza abbonda penso che vi siano anche molte ricette per cucinarla in modo diverso. Tu di solito come la cucini? qual’è il tuo piatto preferito? e quali ingredienti pensi si possano sposare bene con la verza? lo so ti ho fatto troppe domande..hehehe ma mi piacerebbe avere altri suggerimenti in merito a questa buonissima verdura.Grazie ancora e buona giornata

  4. Purtroppo non ho avuto il piacere di provare la “cassoela”..ma mi piacerebbe cucinarla. Conosci la ricetta originale? Si fagioli e verza l’ho provata una volta ma ad esserti sincera (sarà per i fagioli) dopo averli mangiati mi sentii una specie di baule ;) Sono buoni ma un pò pesantini..tu che fagioli utilizzi?. Se hai la verza allora non ti sarà difficile realizzare in pochi minuti questo piattino. Il risultato è che oltre ad essere delicato è anche leggero…un suggerimento…mi raccomando la patata deve essere piccola perchè se la prendi grande quando vai ad unirla alla pasta diventa abbastanza pesante e appiccicosa. Un bacione e buona giornata

  5. Ok! grazie del suggerimento, la provo di sicuro!
    la ricetta della cassoela originale ce l’ho, la facevo anche al “risto” e, a detta degli anziani(sono loro i cultori delle ricette della tradizione) la facevo bene! è lunga da preparare e non è decisamente un piatto leggero, ma sai una volta le donne stavano in casa e avevano il tempo per cucinare, e non conoscevano colesterolo e trigliceridi….comunque te la mando, vedi tu.
    ciao! fulvia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *